Vediamo come si presenta un blocco e come si legge.

Per fare questo abbiamo bisogno di un block explorer, cioè di un sito che ci consente di cercare i dati all’interno della Blockchain. Ce ne sono diversi, in questa guida utilizzeremo l’explorer di Bitcoin.com

Screenshot della home dell’explorer di Bitcoin.com

Per effettuare una ricerca, nella barra superiore possiamo inserire l’indirizzo del portafoglio, l’hash di una transazione o l’hash del blocco che stiamo cercando. Non spaventatevi dal nome, l’hash non è altro che un codice identificativo che viene assegnato ad ogni blocco o transazione per renderli unici e riconoscibili.

Proprio perché ognuno può controllare ogni transazione che avviene sulla blockchain possiamo affermare quindi che Bitcoin e Bitcoin Cash non sono delle criptomonete anonime come molti pensano, sono invece pseudoanonime. Questo significa che anche se siamo in grado di verificare tutti gli spostamenti che avvengono tra gli indirizzi non siamo in grado di risalire alla persona che le ha effettuate a meno che la persona stessa non ne comunichi la proprietà. Infatti, per aprire un portafoglio (in inglese wallet), non c’è bisogno di alcuna registrazione, neanche una mail, basta soltanto scaricare un’applicazione sullo smartphone o sul computer.

ESEMPIO

bitcoincash:qq3shwf7aa8658qsw8ga4fp7dx3srhvtru644x7ka0 questo è l’indirizzo che utilizziamo all’interno del sito per le donazioni. Ora che sapete qual è, se volete, potete cercarlo su un block explorer e vedere quanti fondi abbiamo raccolto finora e tutte le movimentazioni che sono state effettuate.

Come potete immaginare questo rappresenta un grande passo avanti per le associazioni di beneficienza o volontariato, ognuno può sapere quanti soldi gli sono stati inviati e quanti realmente ne hanno utilizzati.

Per capire come funziona apriamo il blocco numero 635923

Come potete vedere il block explorer ci fornisce molte informazioni. Per prima cosa troviamo l’hash poi in ordine: l’età, la data in cui è stato minato, il numero del blocco, il numero di conferme e la grandezza in KB.

Nella parte inferiore troviamo tutte le transazioni del blocco compreso il coinbase (il premio che viene assegnato al miner che valida il blocco) che è sempre la prima transazione. Possiamo visualizzare l’elenco sia in BCH che dollari. Apriamo una transazione per capire come è formata e come leggerla.

Quando si visualizzano i dettagli della transazione come nell’esempio fornito sopra, è sempre possibile vedere da dove proviene la transazione: il mittente della transazione si trova a sinistra (input) e il destinatario si trova a destra (output). 

Come mai ci sono 5 input e 2 output se si tratta di una sola transazione? In realtà non c’è una regola, possono esserci “x” input e “x” output, dipende da come è formata la transazione. Può sembrare una cosa complicata e senza senso ma è del tutto normale e logica in quanto il protocollo di Bitcoin, per migliorare la privacy, consente di generare infiniti indirizzi che si riferiscono allo stesso portafoglio.

ESEMPIO

Alice, come ogni donna che si rispetti, porta sempre con sé una borsa magica senza fondo. Poiché ha notato che ogni volta che prende il portafoglio per metterci dei soldi o per comprare qualcosa c’è sempre qualcuno che sbircia per vedere quanti soldi ci sono all’interno ha adottato una strategia: riempire di portafogli la sua borsa cosi da prenderne sempre uno diverso e non far sapere mai agli altri quanti soldi ha realmente in totale. Ora immaginiamo che abbia 2 BCH in un portafoglio e 1 BCH in un altro, come fa a comprare dei fiori che costano 2,5 BCH? Semplice, prende entrambi i portafogli (2 input) e paga il fioraio che gli da 0,5 BCH di resto (spesa + resto = 2 output). Alice a questo punto, intelligentemente, prende il resto e lo mette in un altro portafoglio completamente nuovo chiamato “change address” per avere un portafoglio senza “storia”.

Visto? Non è così difficile come poteva sembrare! Ovviamente tutto questo avviene in modo automatico, non dobbiamo preoccuparci di selezionare tutti gli indirizzi che abbiamo creato per inviare i nostri Bitcoin Cash. Abbiamo visto il caso di 2 input e 2 output ma possono esserci infiniti esempi, se i fiori fossero costati esattamente 3 BCH ci sarebbe stato soltanto 1 output (niente resto). Nella maggior parte dei casi gli output sono quasi sempre 2 ma possono esserci anche casi in cui ce ne siano di più: se avessi dovuto mandare esattamente lo stesso importo a dieci persone diverse con una sola transazione gli output sarebbero stati 10 (un esempio può essere il pagamento dei dividendi attraverso i token SLP).

È importante però specificare una cosa, noi siamo abituati ad avere delle banconote di un determinato importo (5€, 10€, 20€, 50€, 100€, 200€ e 500€) mentre per i Bitcoin non funziona esattamente così. Quando abbiamo dei Bitcoin depositati sullo stesso indirizzo di un portafoglio questi ultimi vengono uniti e per spenderli bisogna inviarli tutti. Facciamo un piccolo esempio: dobbiamo comprare una cosa che costa 1 BCH e abbiamo un indirizzo che possiede 15 BCH. Accadrà questo: avremo 1 input di 15 BCH e 2 output, uno da 1 BCH (la spesa) e uno da 14 BCH (il resto).

CONSIGLIO IMPORTANTE

Quando utilizziamo un Paper Wallet (questo particolare tipo di portafoglio ha soltanto un indirizzo) dobbiamo stare attenti ad inviare tutti i Bitcoin che ci sono all’interno perché rischiamo di perdere il resto visto che va a finire in un nuovo indirizzo.

Nei nostri esempi molto semplici non venivano considerate le commissioni da pagare ai miner affinché inseriscano la transazione nel blocco. Come abbiamo visto possono esserci più input e più output e in base a quante ce ne sono avremo più commissioni perché la transazione è più grande in dimensioni: le commissioni non dipendono dall’importo che stiamo inviando. Se vogliamo conoscere il costo della transazione, che non appare, possiamo calcolarla semplicemente sottraendo dagli importi negli input gli importi negli output.

Nel caso delle transazioni in Bitcoin Cash non dovremo preoccuparcene poiché ogni transazione costa solo poche frazioni di centesimo!